• Home
  • Semplice Routine Può Aiutare gli Atleti a Evitare il Soffocamento Sotto Pressione

Semplice Routine Può Aiutare gli Atleti a Evitare il Soffocamento Sotto Pressione

WASHINGTON — Alcuni atleti possono migliorare le proprie prestazioni sotto pressione semplicemente schiacciando una palla o stringendo loro la mano sinistra prima di concorrenza per attivare alcune parti del cervello, secondo una nuova ricerca pubblicata dalla American Psychological Association.

In tre esperimenti con giocatori di calcio esperti, esperti di judo e giocatori di badminton, i ricercatori in Germania hanno testato le abilità degli atleti durante la pratica e poi in competizioni stressanti davanti a una grande folla o videocamera. Gli atleti destrimani che hanno spremuto una palla nella mano sinistra prima di competere hanno avuto meno probabilità di soffocare sotto pressione rispetto ai giocatori destrimani che hanno spremuto una palla nella mano destra. Lo studio è stato pubblicato online sul Journal of Experimental Psychology: General®.

Per gli atleti esperti, molti movimenti, come calciare un pallone da calcio o completare un calcio di judo, diventano automatici con poco pensiero cosciente. Quando gli atleti sotto pressione non si comportano bene, potrebbero concentrarsi troppo sui propri movimenti piuttosto che fare affidamento sulle loro capacità motorie sviluppate attraverso anni di pratica, ha detto il ricercatore principale Juergen Beckmann, PhD, cattedra di psicologia dello sport presso l’Università Tecnica di Monaco di Baviera in Germania.

“La ruminazione può interferire con la concentrazione e le prestazioni delle attività motorie. Gli atleti di solito si comportano meglio quando si fidano dei loro corpi piuttosto che pensare troppo alle proprie azioni o a ciò che i loro allenatori hanno detto loro durante la pratica”, ha detto Beckmann. “Anche se può sembrare controintuitivo, è probabile che cercare consapevolmente di mantenere l’equilibrio produca uno squilibrio, come si è visto in alcune esibizioni sub-par delle ginnaste durante le Olimpiadi di Londra.”

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la ruminazione è associata all’emisfero sinistro del cervello, mentre l’emisfero destro è associato a prestazioni superiori nei comportamenti automatizzati, come quelli utilizzati da alcuni atleti, osserva lo studio. L’emisfero destro controlla i movimenti del lato sinistro del corpo e l’emisfero sinistro controlla il lato destro. I ricercatori hanno teorizzato che spremere una palla o stringere la mano sinistra attiverebbe l’emisfero destro del cervello e ridurrebbe la probabilità di soffocamento dell’atleta sotto pressione. Lo studio si è concentrato esclusivamente sugli atleti destrimani perché alcune relazioni tra diverse parti del cervello non sono ben comprese per i mancini, secondo gli autori.

La ricerca potrebbe avere importanti implicazioni al di fuori dell’atletica. Gli anziani che hanno paura di cadere spesso si concentrano troppo sui loro movimenti, quindi gli anziani destrimani possono essere in grado di migliorare il loro equilibrio stringendo la mano sinistra prima di camminare o salire le scale, ha detto Beckmann.

“Molti movimenti del corpo possono essere compromessi dai tentativi di controllarli consapevolmente”, ha detto. “Questa tecnica può essere utile per molte situazioni e compiti.”

Nel primo esperimento, 30 giocatori di calcio maschi semi-professionisti hanno preso sei tiri di rigore durante una sessione di allenamento. Il giorno dopo, hanno tentato di fare gli stessi tiri di rigore in un auditorium pieno di più di 300 studenti universitari in attesa di vedere una partita di calcio televisiva tra Germania e Austria. I giocatori che hanno spremuto una palla con la mano sinistra si sono esibiti sotto pressione come durante l’allenamento, mentre i giocatori che hanno spremuto una palla nella mano destra hanno perso più colpi nell’auditorium affollato.

Venti esperti di judo (14 uomini e sei donne) hanno preso parte al secondo esperimento. In primo luogo, hanno eseguito una serie di calci di judo in un sacchetto di sabbia durante la pratica. Durante una seconda sessione, è stato detto che i loro calci sarebbero stati videoregistrati e valutati dai loro allenatori. Gli atleti di judo che hanno spremuto una palla con la mano sinistra non solo non hanno soffocato sotto pressione, si sono comportati meglio nel complesso durante la competizione stressante che durante la pratica, mentre quelli del gruppo di controllo si sono soffocati sotto pressione, lo studio ha trovato.

L’esperimento finale ha caratterizzato 18 giocatori esperti di badminton (12 uomini e sei donne) che hanno completato una serie di pratica serve. Poi, sono stati divisi in squadre e hanno gareggiato l’uno contro l’altro mentre venivano videoregistrati per la valutazione dai loro allenatori. Gli atleti che hanno spremuto una palla nella mano sinistra non hanno soffocato sotto pressione, a differenza dei giocatori del gruppo di controllo che hanno spremuto una palla nella mano destra. Una fase finale dell’esperimento aveva gli atleti appena stringere la mano sinistra o destra senza una palla prima della competizione, e giocatori che stringevano la mano sinistra eseguito meglio di giocatori che stringevano la mano destra.

La tecnica di spremitura della palla probabilmente non aiuterebbe gli atleti le cui prestazioni sono basate sulla forza o sulla resistenza, come i sollevatori di pesi o i maratoneti, hanno notato gli autori. Gli effetti si applicano agli atleti le cui prestazioni si basano sulla precisione e movimenti del corpo complessi, come giocatori di calcio o golfisti, hanno detto.

Articolo: “Prevenire il fallimento delle abilità motorie attraverso l’adescamento specifico dell’emisfero: casi di soffocamento sotto pressione;” Juergen Beckmann, PhD, Peter Groepel, PhD e Felix Ehrlenspiel, PhD, Technical University of Munich; Journal of Experimental Psychology: General; Vol. 142, n. 3.

Juergen Beckmann, PhD, può essere contattato via e-mail o per telefono al numero 49 89 289 24540 o 49 17 326 38205.

L’American Psychological Association, a Washington, DC, è la più grande organizzazione scientifica e professionale che rappresenta la psicologia negli Stati Uniti ed è la più grande associazione di psicologi del mondo. L’adesione di APA comprende più di 137.000 ricercatori, educatori, medici, consulenti e studenti. Attraverso le sue divisioni in 54 sottocampi di psicologia e affiliazioni con 60 stato, associazioni provinciali territoriali e canadesi, APA lavora per far progredire la creazione, la comunicazione e l’applicazione della conoscenza psicologica a beneficio della società e migliorare la vita delle persone.

Leave A Comment