• Home
  • Lydia Hearst, che difende il marito Chris Hardwick in mezzo alle accuse di abusi

Lydia Hearst, che difende il marito Chris Hardwick in mezzo alle accuse di abusi

Da Francesca Bacardi

21 giugno 2018 | 12:22

Chris Hardwick e Lydia Hearst

Chris Hardwick e Lydia HearstPatrick McMullan via Getty Image

Lydia Hearst è in piedi a fianco di suo marito in mezzo alle accuse di abusi fatto con la sua ex-fidanzata Chloe Dykstra.

“Questa non è una dichiarazione in difesa, questa è una dichiarazione di difesa”, ha detto Hearst a People delle accuse contro Chris Hardwick. “Difesa per tutte le donne che sono state abusate sessualmente, violentate, trafficate e torturate; difesa di tutte le persone per cui questo movimento è stato avviato. Nell’ultimo anno il movimento #MeToo ha giustamente puntato i riflettori direttamente sulle donne le cui storie dovevano essere raccontate.

“Come qualcuno che è stato coinvolto in relazioni tossiche in passato, conosco in prima persona l’importanza di condividere queste storie e non prendere questa situazione alla leggera.”

Hearst, che ha sposato Hardwick in 2016, ha detto che sta arrivando la difesa del marito perché sostiene che le accuse mosse da Dykstra, che includevano l’assalto sessuale, non sono vere.

Chloe Dykstra e Chris HardwickFilmMagic

“ho preso la decisione di venire a sostegno di mio marito, non per obbligo, ma per necessità di dire la verità circa la persona che io conosca”, Hearst ha continuato. “Chris non è altro che amorevole e compassionevole ed è l’unica persona che mi è stata accanto, non mi ha mai giudicato, mi ha aiutato a guarire e a sentirmi integro.

“Difendere mio marito darebbe credito a qualsiasi di queste accuse. Non lo farò. Chris Hardwick è un brav’uomo”, ha detto. “Rimango in pieno sostegno di mio marito, e credo che la verità vincerà sempre. # TimesUp perché conosco la mia verità e credo nel giusto processo.”

Hardwick ha negato le affermazioni di Dykstra.

Dopo Dykstra ha pubblicato il suo saggio la scorsa settimana, che non ha menzionato Hardwick per nome, è stato cancellato dal sito web di Nerdist, che ha fondato, e AMC ha tirato il suo talk show e le sue apparizioni Comic-Con.

” Mi sono perso, sia mentalmente che fisicamente. Ho perso 15 libbre in poche settimane, ho iniziato a tirare fuori i miei capelli (e ho dovuto ottenere regolarmente le estensioni per nasconderlo)”, ha scritto Dykstra. “In genere ho smesso di parlare se non parlato con lui, alla deriva attraverso la vita come un fantasma. Vorrei cercare di dormire il più tardi possibile così i miei giorni erano più brevi. Ho smesso di ascoltare musica del tutto. Ho smesso di esserlo. Ero una ex persona.”

Archiviato inris hardwick, lydia hearst-shaw, abuso sessuale, violenza sessuale, 6/21/18

Più su:

chris hardwick

Chloe Dykstra ha contemplato il suicidio dopo aver accusato Chris Hardwick di abusi sessuali

Chris Hardwick fa un ritorno emotivo a “Talking Dead” dopo le accuse di abusi sessuali

Lo staff di “Talking Dead” ha smesso per il ritorno di Chris Hardwick

Il movimento #MeToo ha perso il suo peso?

Leave A Comment