• Home
  • Improvvisando con toni di accordi

Improvvisando con toni di accordi

Naviga per argomento: Musicalità

Miniatura video MU-14

Ciao. Questa è la chitarra Hub.

La maggior parte degli improvvisatori alla fine scoprirà che non è sempre sufficiente suonare una sola scala su più accordi. Molte canzoni usano molti accordi diversi, e talvolta gli accordi non si adattano tutti all’interno di una scala. Quindi, se si utilizza una sola scala per improvvisare attraverso una melodia, si potrebbe finire per giocare un sacco di note che suonano male.

Così come si inizia a incontrare queste situazioni, un nuovo approccio di improvvisazione è richiesto. Vuoi suonare le note che si adattano a ciascun accordo, trovando anche un modo piacevole e melodico di legarle insieme.

Ogni accordo è solitamente composto da sole 3 o 4 note. E non importa quanto sia semplice o complessa la musica, affinché la melodia suoni come se avesse senso, ha davvero bisogno di indirizzare quelle note di accordi.

Suonare le note non nell’accordo suona sicuramente bene a volte, specialmente se quelle note sono nella chiave generale in cui si trova la canzone. Ma in ogni chiave ci saranno alcune note e alcuni accordi che semplicemente non si incastrano. Un esempio è quando hai un accordo I maggiore e suoni il quarto passo della chiave. Questo è un esempio del perché essere consapevoli dei toni degli accordi è importante anche nella musica relativamente semplice.

Sembra un po ‘ brutto. Anche ai jazzisti non piace, è così grave. Quindi se usi quella nota su quell’accordo, probabilmente dovrebbe risolversi molto rapidamente al terzo. Ma sinceramente, la maggior parte degli improvvisatori generalmente lo eviterà. Alcune persone lo chiamano anche una “nota di evitare”.

Un ottimo modo per esercitarsi a conoscere i toni degli accordi è quello di suonare specifici toni degli accordi su una progressione. Per esempio, si può mettere una traccia e poi giocare con solo le radici degli accordi, quindi solo terzi, solo quinti, o solo sette. Probabilmente avrai anche bisogno di esercitarti a nominare anche quei toni degli accordi. Puoi farlo senza una chitarra; basta esercitarsi a guardare i grafici degli accordi e precisare le note in ogni accordo.

Una volta che si può fare che, sarete pronti a giocare loro.

Vi mostrerò alcuni esempi. Questa è una progressione di accordi in do maggiore e vi mostrerò come suonare le radici terzi, quinto e settimo.

Una volta che hai che giù, si può praticare l’improvvisazione utilizzando questa idea e iniziare a prendere di mira quei toni di accordo, mescolandoli insieme. Invece di suonare una scala e colpire alcuni toni di accordi incidentalmente, stai giocando toni di accordi e colpire le note di scala incidentalmente.

La maggior parte della musica ha melodie e assoli improvvisati che sono strettamente correlati alle note negli accordi. Per esempio, se l’accordo suonato è un Fmaj7 accordo, in quel momento, la melodia molto probabile che l’uso di toni che esiste nell’accordo: F, A, C ed E.

Mentre molti altri toni può essere utilizzato per riempire lo spazio”, per creare un clima di tensione, o di accrescere l’interesse per la melodia, è importante capire che note dell’accordo spesso costituiscono la base della melodia e improvvisazione.

Possiamo esercitarci con le note degli accordi imparando a suonare i toni degli accordi dai singoli accordi mentre gli accordi passano. Questo si basa sulla nostra capacità di scrivere rapidamente quegli accordi, il che significa guardare un simbolo Symbola accordo che rappresenta più note da suonare come un accordo, come Cmaj7, D7, o semplicemente “F”. (Cmaj7) e identificare quali note sono in esso (C–E-G-B). Questo a sua volta si basa sulla conoscenza delle scale principali e delle formule di accordi.

Proviamo questa tecnica con una tipica progressione di accordi in Do.

Esempio di progressione di accordi

Suonare le radici degli accordi

I simboli degli accordi ci dicono tutto quello che dobbiamo sapere. Iniziamo suonando le radici degli accordi, in modo melodico (su una corda alta o un tasto). Questo dovrebbe essere facile poiché le radici degli accordi sono identificate nel nome stesso.

Suonare i terzi degli accordi

Ora dovremo scrivere i terzi di ogni accordo per suonarli. Possiamo farlo usando la radice dell’accordo, pensando alla scala maggiore per quella radice, e poi chiedendoci se l’accordo richiede un terzo maggiore o un terzo minore. Poiché questa progressione di accordi è tutta nella chiave di Do, possiamo anche contare dalla radice di ogni accordo al tono successivo un terzo diatonicoqualsiasi nota a due passi di scala da un altro, indipendentemente dal tipo di terzo che sia. E a G è un terzo diatonico in Do ma E a G♯ è un terzo diatonico nella chiave di E. lontano dalla radice—la nota due note più alte nella scala di Do dalla radice dell’accordo in questione.

Suona le quinte degli accordi

Ripeti questo processo per le quinte. Questo non è molto difficile perché saranno tutti quinti perfetti, in quanto non ci sono accordi nella progressione con una quinta alterata. È anche possibile visualizzare questo utilizzando le note di root e suonare la nota un quinto perfetto sopra ogni volta.

Suona i settimi degli accordi

Infine, suona tutti i settimi degli accordi. I settimi saranno un mezzo passo sotto la radice dell’accordo per un accordo di settima maggiore, o un intero passo sotto l’accordo per qualsiasi altro accordo.

Mettere tutto insieme

Combinando i toni degli accordi con altre note della scala, è possibile creare una melodia che si rivolge alle note che appaiono negli accordi. Questo ti aiuterà a giocare con più sicurezza e chiarezza.

Base musicale

Questa base musicale segue gli accordi utilizzati nell’esercizio nella chiave di C.

Nota: la traccia ha il doppio del ritmo armonico dell’esercizio (ogni accordo suona per due misure). Questo ha lo scopo di rendere più facile giocare con.

Esercizi chiave

  • Pratica giocando radici, 3rds, 5ths e 7ths sopra la progressione di accordi di cui sopra.
  • Prova a combinare diversi di questi insieme.
  • Prova ad approccioun approccio è la scelta di quale nota melodica verrà prima di un’altra. Implica che la seconda nota è un “bersaglio” e la prima è un “approccio” destinato ad arrivare sul bersaglio. Spesso la nota di approccio è un mezzo passo o un intero passo sopra o sotto.ing le note con un’altra nota nella scala.
  • Scrivi una melodia interessante usando qualsiasi combinazione di toni di accordi per ogni accordo.
  • Suona questa melodia usando la base musicale.

Questa lezione è continuata in Play Smart: Come collegare i toni degli accordi.

Leave A Comment