• Home
  • Il texano: qual è il problema con Tamales e Natale?

Il texano: qual è il problema con Tamales e Natale?

D: Ho vissuto in Texas tutta la mia vita. Tutti quarantatré anni, proprio qui nello Stato di Lone Star. Tranne che per i primi due anni, quando non sapevo meglio, sono stato un amante di tutti i cibi Tex-Mex. Stranamente, fino a quest’anno non ho mai saputo che tamales aveva una sorta di connessione di Natale. Qual è esattamente l’accordo con Christmas e tamales?

Charley Hodge, Dallas

A: Tra tutte le tradizioni gastronomiche del mondo, ce n’è una che è più deliziosa di quella del Messico? Il texanista, un devoto certamente rabbioso della maggior parte di tutti i prodotti alimentari provenienti a sud del confine, è certo che non c’è. Una delle stelle della cucina messicana—così come la cucina Tex-Mex—è il tamale, un delizioso trattamento a base di masa e un ripieno di tamalera (tamale maker) scelta. C’è manzo, pollo, fagioli, fagioli e formaggio, zucca, mais dolce, e su e su e su. Le opzioni tamale sono infinite. Il preferito del texano è la classica varietà di maiale. Luccicanti e scivolosi, sono il tamale per eccellenza e il texano è noto per divorare i pugni dei piccoli diavoli chiazza di petrolio durante tutto l’anno. Mmm-mmm! Innaffiato con un grande rosso o un po ‘ di schiuma messicana fredda, non c’è niente di simile.

Il debito di gratitudine per l’invenzione del tamale è dovuto alle grandi culture mesoamericane dei millenni passati. Gli aztechi, i Maya, i mixtechi, gli Olmechi, i Toltechi e gli Zapotechi prendevano nutrimento dalle piccole foglie di banana o dai pacchetti di bontà avvolti dalla buccia di mais e tramandavano le loro usanze di tamale attraverso le generazioni. È interessante notare, però, e al punto della tua domanda, nessuna di queste antiche culture era conosciuta per aver celebrato il Natale. In effetti, alcuni di loro hanno preceduto la nascita del cristianesimo e nessuno di loro aveva nemmeno sentito parlare del Natale prima che gli europei arrivassero all’inizio del XVI secolo. Questi popoli osservavano le proprie tradizioni e celebrazioni, alcune delle quali implicavano offerte sacrificali (a volte umane) alle loro divinità. C’è una teoria che ha tali doni raccapriccianti essere sostituiti, ad un certo punto, con un’opzione molto più civile—tamales. Artisti del calibro di Xochipilli, Tonacatecuhtli e Ah Kinchil devono essere stati molto grati per il cambiamento. Il texanista sa che certamente sarebbe stato se fosse un dio antico.

Il pensiero è che nel corso del tempo tamales è stato associato con occasioni speciali e come la popolazione messicana è stata infine cristianizzata, la tradizione è stata trasferita alla festa più importante del calendario cristiano. Ecco perché, come la stagione delle vacanze, è comune per le famiglie messicane, messicane-texane e messicane-americane e gli amici di riunirsi in cucine grandi e piccole per tamaladas annuali, o tamale fare feste (leggi qui sulla tradizione tamalada 45 anni della famiglia Ruiz). I frutti di tali incontri, le decine e decine di deliziosi tamales, sono poi divvied e dispersi ad amici, colleghi, e persone care in lungo e in largo. Natale in Texas significa che è anche tempo tamale in Texas. Il texano può ottenere un grande alleluia?

Tuttavia, per quanto interessante sia questa storia, la cosa importante, la cosa che conta davvero, la cosa da apprezzare non è come questa tradizione sia nata tanto quanto la tradizione è nata. Il texano ha ragione?

Feliz Navidad e che dio (e tutte le tamaleras) ci benedica, tutti, con un sacco di tamales.

Hai una domanda per il texano? È sempre disponibile presso [email protected] Scrivigli lì e assicurati di dirgli da dove vieni.

Leave A Comment