• Home
  • e-Commerce in Cina

e-Commerce in Cina

Con circa 632 milioni di utenti Internet, la Cina è il mercato di e-commerce in più rapida crescita e più grande del mondo. Si stima che le vendite di e-commerce in Cina rappresentino il 3,2% del PIL del paese, rispetto al 2,7% negli Stati Uniti. Le aziende australiane possono approfittare di questo per raggiungere un numero potenzialmente enorme di clienti cinesi, anche con una presenza minima nel paese. I regolamenti del governo cinese cambiano però regolarmente con la possibilità di introdurre restrizioni in futuro in questo settore; pertanto assicurati di essere aggiornato con gli aspetti legali attuali associati alle vendite online.

Il numero di acquirenti online in Cina dovrebbe raggiungere 350 milioni nel 2015 e le vendite di e-commerce dovrebbero raggiungere billion 840 miliardi entro il 2020. Nel 2014, l’Ufficio nazionale di statistica cinese stima che le vendite siano cresciute del 50% dal 2013, superando mezzo trilione di dollari australiani. L’uso crescente di telefoni cellulari per lo shopping online è un contributo chiave a queste tendenze. Con 520 milioni di utenti cinesi di telefonia mobile, le vendite online in Cina tramite telefoni cellulari sono cresciute da 1.5 per cento delle vendite nel 2011 a otto per cento nel 2013.

Se le tendenze attuali continuano, è probabile che i pagamenti mobili rappresentino il 20% delle transazioni online entro il 2016. Per catturare i consumatori cinesi che utilizzano Internet sui loro telefoni cellulari, assicurarsi di avere un sito web mobile friendly – in mandarino – integrato nella tua home page. La sua ‘ anche fortemente suggerito di avere un sito web di dominio Cina che assiste la tua pagina di essere raccolti sul motore di ricerca leader della Cina-Baidu. Le categorie principali per gli acquisti online includono cosmetici, scarpe da donna, abbigliamento e accessori e articoli di lusso stranieri.

Come e-Commerce della Cina è diverso

Il paesaggio cinese e-commerce è molto diverso da Australia. imprese australiane hanno bisogno di adattare e adattare le loro offerte in Cina come i cinesi utilizzano diversi motori di ricerca e metodi di pagamento.

Alcune caratteristiche chiave del mercato dell’e-commerce cinese individuate da Boston Consulting Group sono:

  • Gli acquirenti cinesi iniziano la loro ricerca per l’acquisto di un prodotto generalmente online.
  • Un quarto della domanda dei clienti online cinesi è per i prodotti che i consumatori non possono trovare nei negozi fisici.
  • I siti di social networking sono la principale forma di accesso alle recensioni dei prodotti.
  • Il prezzo non è tutto. Molti acquirenti online si occupano di trovare prodotti unici che non sono disponibili offline, oltre a volere un servizio migliore, la convenienza e il divertimento del processo di scoperta online.
  • I consumatori cinesi acquistano online una gamma di prodotti più ampia rispetto alle loro controparti occidentali. Le prime cinque categorie di acquisti rappresentano solo la metà del mercato cinese, rispetto al 70 per cento nei principali mercati occidentali.

Alibaba.com è la più grande società di e-commerce in Cina. Domina il mercato B2B (business to business) e i suoi siti Tmall e Taobao godono anche della maggiore quota di mercato dei mercati B2C (business to consumer) e C2C (consumer to consumer) rispettivamente. Tmall Global consente alle aziende straniere senza una presenza in Cina e una licenza commerciale cinese di creare un negozio online e vendere online in Cina. Australia Post ha recentemente firmato un accordo con Tmall Global, specificamente finalizzato a sostenere le PMI australiane che vendono in Cina. Per ulteriori informazioni sull’accordo, contattare Australia Post. Altre società di e-commerce in Cina includono Jingdong, Dandang e Yihaodian.

I consumatori cinesi di solito utilizzano motori di ricerca locali, come Baidu, piuttosto che Google. Ciò è dovuto alla censura e talvolta al blocco dei contenuti di Google da parte del firewall del governo cinese. Come accennato in precedenza, molti altri siti web familiari agli australiani non sono disponibili a tutti in Cina, tra cui Facebook, YouTube e Twitter. Esistono, tuttavia, equivalenti cinesi che sono canali efficaci per coinvolgere i consumatori cinesi.

Pagamento vendite online

I consumatori cinesi usano raramente carte di credito e debito per pagare gli acquisti online, con contrassegno e pagamenti di terze parti le opzioni più popolari. Ciò è dovuto alle preoccupazioni dei consumatori cinesi in merito alle frodi con carta di credito e all’invio di merci fasulle.

  • Il pagamento in contrassegno è in contanti, un assegno o un vaglia postale effettuato direttamente ai rappresentanti della compagnia di navigazione al momento della consegna delle merci. Questo è popolare in Cina in quanto consente ai consumatori di verificare la qualità e l’autenticità dei prodotti prima di pagarli. Costi più elevati e tempi di attesa più lunghi per il pagamento sono negativi per i venditori.
  • I pagamenti di terze parti vengono effettuati tramite società indipendenti come Alipay, Tenpay e 99Bill, che sono simili a PayPal in Australia. Il pagamento viene effettuato alla terza parte autorizzata e quando sia l’acquirente che il venditore sono soddisfatti, i fondi vengono rilasciati al venditore.

Vuoi saperne di più? Esplora le nostre altre categorie di informazioni sulla Cina o scarica il China Country Starter Pack.

Leave A Comment